Il Sistema: un punto di riferimento per il futuro del risparmio energetico

140228-accatastamento-impianti-fv
Ultime news Chiarimenti accatastamento impianti FV

La circolare 36/E emanata a fine dicembre dall’Agenzia delle Entrate ha ridefinito il trattamento riservato agli impianti fotovoltaici ai fini fiscali e catastali.
Il documento chiarisce quando un impianto fotovoltaico vada considerato bene immobile da accatastare e come se ne debba calcolare la rendita, facendo così aumentare il valore catastale dell’immobile stesso su cui è installato.
Secondo l’AdE, un impianto residenziale va dichiarato ed accatastato quando la potenza è superiore a 3 kW ed il valore dell’impianto supera il 15% della rendita dell’immobile.
Per una valutazione più precisa, il cittadino può rivolgersi ad un geometra esperto per la verifica dei pannelli installati che potrà suggerire se aggiornare o meno il documento catastale.
Nel caso in cui l’impianto non superasse i 3 kW di potenza e non eccedesse del 15% la rendita dell’immobile, l’impianto fotovoltaico non è soggetto a dichiarazione e non fa aumentare gli importi fiscali da corrispondere (IMU e TASI).

Scarica il testo della circolare AdE >>>